Vitamina E

Tra le vitamine liposolubili ha importanza insostituibile la Vitamina E (o tocoferolo) nota per le sue capacità anti-ossidanti sulle strutture lipidiche cioè grasse quali in primis le membrane cellulari ma anche le lipo-proteine, gli ormoni steroidei, la vitamina A! 

Oltre a proteggere le strutture lipidiche dai danni da radicali liberi la vitamina E è fondamentale perchè serve per ripristinare le scorte di vitamina C la vitamina idrosolubile anti-ossidante per eccellenza. Quindi la vitamina C ed E vanno a braccetto.

La vitamina E è essenziale per i danni da perossidazione lipidica soprattutto degli acidi grassi poli-insaturi (PUFA) che sono tanto utili quanto delicati poichè si ossidano con grande facilità per cui necessitano della vitamina E a proteggerli. E' questa la ragione per cui negli integratori di grassi poli-insaturi ritroviamo sempre la vitamina E (meglio se naturale piuttosto che di sintesi).

In virtù delle sue doti anti-radicali liberi la vitamina E gioca un ruolo importante sicuramente in tutti i processi di invecchiamento cellulare dal tessuto cutaneo a quello cardiaco etc ed anche nella patogenesi delle malattie degenerative quali Alzheimer, Parkinson, tumorali etc. Va detto però che gli studi finora condotti sull'assunzione di supplementi di tale vitamina in queste malattie non hanno concluso risultati univoci per cui non si raccomandano integratori di vitamina E in tali contesti.

Il fabbisogno quotidiano di vitamina E è 8/10 mg/die.

Se la dieta è varia è impossibile andare in carenza di Vitamina E; fonti alimentari particolarmente ricche sono i semi oleosi, in primis quelli di girasole (ma anche mandorle, nocciole etc) ed il germe del grano che si trova nei chicchi dei cereali integrali. La vitamina E è presente anche nell'olio di oliva, in certe verdure quali gli spinaci, le cime di rapa, in alcuni frutti come le albicocche etc.

Se vuoi puoi fare una domanda o lasciare un commento grazie.

Scrivi commento

Commenti: 0

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti