Agopuntura e Problematiche sessuali

I disturbi sessuali sono sempre più frequenti nei nostri giorni. Calo del desiderio, impotenza, eiaculazione precoce, frigidità, anorgasmia etc. sono alcuni esempi. Spesso questi sintomi non hanno una causa organica ma sono "diremmo" psico-somatici. La società odierna è naturalmente corresponsabile di tali disturbi a causa dei suoi ritmi incalzanti, della necessità di essere sempre all'altezza (di che cosa poi?) e così via. In altri articoli ho già ribadito l'importanza dell'"analisi di se stesso" che ognuno di noi deve fare per cercare le risposte e le soluzioni per migliorare il proprio vero benessere psico-fisico. Detto ciò l'agopuntura può certamente giovare in casi analoghi sostenendo il paziente nei momenti iniziali e più difficili, "dandogli una spinta". L'agopuntura regola infatti i neurotrasmettori che modulano il tono dell'umore (serotonina), il ritmo sonno-veglia (GABA, noradrenalina, adrenalina e dopamina), lo stress etc. Ha infatti effetto sedativo e rilassante la muscolatura liscia riducendo l'eccitabilità dei plessi nervosi a livello pelvico. Studi scientifici hanno osservato l'efficacia dell'agopuntura nei disturbi della sfera sessuale. A questo proposito riporto da esempio uno studio in Canada nel 2013 sugli effetti positivi degli aghi in pazienti con problematiche sessuali secondarie all'uso degli anti-depressivi SSRIs e SNRIs (Efficacy of acupunctue treatment of sexual dysfunction secondary to antidepressants. J Altern Complement Med, 2013 Nov, Khamba et al.).

 

Se vuoi puoi fare una domanda inviando una mail o lasciare un commento.

 

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Commenti: 0