Integratori

 


Un'alimentazione varia e corretta non ha bisogno di essere integrata con supplementi vitaminici etc. Esistono però stati particolari quali certe patologie, determinati momenti della vita (stress) in cui l'uso degli integratori può essere necessario. In questo breve articolo pongo l'accento su alcune categorie di integratori che sono gli anti-ossidanti, gli acidi grassi poli-insaturi (gli omega) ed i fermenti lattici (probiotici). Infatti in caso di malattie soprattutto cronico-degenerative l'assunzione di anti-ossidanti serve poichè in queste condizioni aumentano i processi ossidativi con produzione di radicali liberi. Ovvio che l'alimentazione dovrà necessariamente essere corretta mediante l'abbondante ingestione di frutta e verdura colorata ricca di tali sostanze (bioflavonoidi). Anche l'integrazione con gli acidi grassi buoni quelli cioè insaturi della serie omega (3, 6 e 9) è fondamentale nelle stesse situazioni. Anche in questi casi l'alimentazione non deve essere carente in cibi ricchi di omega 3, 6 e 9 quali semi oleosi (swmi di lino, noci, semi di girasole etc.) e pesce "grasso" (salmone, trote, pesce azzurro). Anche le vitamine quali la A, E, D, K, C etc. possono essere assunte con gli integratori sempre allo scopo di contrastare i danni da ossidazione. Infine volevo fare un breve cenno al discorso sui fermenti lattici (probiotici) associati o meno ai prebiotici (fibre di cui si nutrono i fermenti) utili un po' a tutti oggigiorno poichè i nostri intestini sono tutti un po' in disbiosi a causa dei cibi modificati dall'industria moderna. Si rendono necessari soprattutto in caso di patologie quali coliti, colon irritabile etc. condizioni nelle quali la flora intestinale deve essere risanata in toto. Ricordate però che non tutti i fermenti lattici sono uguali ma non entro qui nel discorso.

 

Se vuoi puoi inviare una domanda con una mail o lasciare un commento.

 

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Commenti: 0