Agopuntura e Insonnia

I disturbi del sonno sono sempre più frequenti sia tra gli anziani che, purtroppo, tra i giovani. Spesso chi soffre di insonnia presenta nel tempo modificazioni dell'umore (nervosismo, irritabilità, ansia etc) conseguenza del cattivo riposo ma che possono essere anche espressione di un disagio psicologico personale (vedi  "disturbi del tono dell'umore", es. ansia e depressioni minori). I ritmi frenetici odierni ovviamente non aiutano chi presenta disturbi del sonno, tutt'altro... Ne deriva che sempre più persone, purtroppo, devono ricorrere a farmaci per dormire (ipno-inducenti, ansiolitici, benzodiazepine etc).  Le medicine non sono un'ottima soluzione poichè non sono curative e spesso danno dipendenza per cui i dosaggi vanno aumentati con sempre maggiori effetti collaterali (confusione, sonnolenza diurna, calo dell'umore etc.). Sicuramente impegnarsi per modificare il proprio stile di vita al fine di renderlo meno "stressante" è, come sempre, il punto di partenza per il miglioramento del proprio benessere psico-fisico. Certe volte però ciò può non bastare soprattutto se si assumono sonniferi da un po' di tempo. In questi casi l'Agopuntura associata anche ad altre tecniche di rilassamento (massaggi, ginnastiche dolci, tecniche di respirazione, yoga, mindfullness, stretching muscolare etc.)  ed a farmaci naturali (fitoterapia, gemmoterapia, omeopatia etc.) offre sicuramente un valido aiuto per migliorare il ritmo sonno-veglia e ridurre i farmaci ipno-induttori soprattutto nella fase iniziale del trattamento.

Una Review del 2009 pubblicata sulla rivista Sleep Medicine Reviews di Huang che ha analizzato 30 tra studi e case reports ha riportato un miglioramento del sonno con l'agopuntura nel 93% dei casi; tale risultato sembra molto incoraggiante sebbene servano in futuro altri studi condotti in maniera più "standardizzata" in modo da essere meglio confrontati tra loro.

Se vuoi puoi rivolgermi una domanda o lasciare un commento.

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Commenti: 0