Auricoloterapia

E’ un metodo di cura che utilizza le proprietà riflesse del padiglione auricolare. L’Auricolo-terapia è stata scoperta da Paul Nogier (Lione, Francia) nel 1952 ed è stata oggetto di numerosi studi neurofisiologici. Nogier ha tracciato nell’orecchio una mappa dell’intero corpo umano rappresentato come un feto rovesciato; mediante varie tecniche di stimolazione dei punti auricolari (aghi, semi di Vaccaria etc.) si può agire a distanza sulle zone corporee corrispondenti. Personalmente uso questa tecnica associata al trattamento agopunturistico in casi selezionati per esempio per ridurre il dolore nei disturbi articolari o come modulante gli stati ansiosi. Il meccanismo di funzionamento dell’auricolo-terapia è di tipo riflessologico. Tengo a precisare che nel 1990 un gruppo di lavoro riunito dall’OMS ha standardizzato la nomenclatura di 43 punti auricolari.